Nidra Yoga

Lo Yoga Nidra significa letteralmente “Yoga del Sonno” ed è una delle tante tipologie esistenti di Yoga, praticabile davvero da chiunque.
Ha origini tantriche ma, grazie al maestro indiano Swami Satyananda Saraswati, ha ormai trovato larga diffusione ai giorni nostri.

La pratica dello Yoga Nidra mira a conseguire uno stato definito “ipnagogico”, ovvero compreso tra la veglia e il sonno, in cui il corpo dorme mentre la mente rimane vigile e sveglia, continuando a captare istruzioni e comandi.
Si tratta, in sostanza, dello stato che tutti noi inconsapevolmente sperimentiamo appena prima di addormentarci, quando la mente si rivela essere maggiormente ricettiva.

Attraverso questa tecnica Yoga, possiamo raggiungere lo stesso risultato in maniera del tutto consapevole, e intervenire su determinati aspetti della nostra personalità.

L’utilità dello Yoga Nidra

Innanzitutto specifichiamo che, per quanto si tratti di una pratica accessibile a tutti, è sempre necessaria la presenza di una voce guida che accompagni durante la sessione, quindi un istruttore esperto.

Come ben sappiamo, la vita ci pone sempre davanti nuove sfide, pretende la nostra prontezza, scorre veloce e frenetica e spesso star dietro a tutto diventa particolarmente difficile.

Ognuno alla propria maniera, cerca il più possibile di trovare un equilibrio, adattandosi a questa frenesia o lasciandosi assorbire da essa. Ansia e stress sono dunque all’ordine del giorno, più o meno accentuati a seconda dell’individuo, ma quel che è certo è che la mente si ritrova costretta a vivere in uno stato tensivo quasi perenne.

L’utilità dello Yoga Nidra consiste nel favorire una condizione di rilassamento sia per il corpo sia per la mente, rendendo al contempo pienamente consapevoli.
Una specie di “sonno psichico”, in cui è possibile riposare pur mantenendo e accrescendo appunto la propria consapevolezza, alla profonda scoperta di se stessi.
Mentre il corpo pare dormire, la coscienza si risveglia.

Guidati dalla voce dell’insegnante, nel corso di una sessione ci si rilassa ponendo l’attenzione sulle diverse parti del corpo.
Questo andrà a ricreare uno stato di quiete profonda ma lucida.
È possibile definirla una pratica meditativa a tutti gli effetti.

Lo Yoga Nidra è molto potente ed efficace, ma per ottenere i migliori risultati è necessario seguire passo dopo passo precise fasi che spiegheremo qui di seguito.

Le fasi dello Yoga Nidra

Per iniziare, bisogna distendersi comodamente assumendo quindi la posizione di Shavasana e chiudendo gli occhi.
Ci si predispone in questo modo alla quiete e al rilassamento, accogliendo gli eventuali suoni intorno senza che rappresentino un disturbo.

Ecco tutte le fasi successive dello Yoga Nidra:

  • Il Sankalpa. È lo scopo e l’intenzione che si vuole attribuire a questa pratica. Deve essere ovviamente breve, positiva e formulata chiaramente, da ripetere nella propria mente per tre volte. Lasciare indietro qualche vecchia e insana abitudine, trovare il modo di vivere la propria vita con serenità, sono tutti propositi a cui poter ambire. Il Sankalpa va ripetuto anche alla fine della pratica.
  • La rotazione della coscienza. In questa fase, la voce dell’istruttore invita il praticante a soffermare la consapevolezza su diverse parti del corpo. Si inizia allora con il lato destro, dal pollice della mano destra fino ad arrivare al mignolo del piede destro, passando poi al lato sinistro, dal pollice della mano sinistra al mignolo del piede sinistro. Successivamente si pone l’attenzione sulla parte posteriore del corpo, partendo dai talloni fino alla testa, e poi sulla parte anteriore, dalla fronte alle gambe in tutte le loro caratteristiche. Tutte le zone menzionate vanno percepite senza muoversi: il rilassamento diviene molto profondo.
  • Consapevolezza del respiro. Si ascolta il proprio respiro calmo e regolare, senza tentare di modificarne il ritmo e il flusso. Si sente l’aria entrare dalle narici, passare per la gola, arrivare nel petto e nell’addome, consapevoli di ogni inspirazione ed espirazione.
  • Risveglio di sentimenti e sensazioni opposti. Questa fase consiste nel richiamare e vivere intensamente sensazioni emotive o fisiche del tutto opposte tra loro, come amore e odio, caldo e freddo, dolore e piacere, allo scopo di sciogliere tutte le tensioni emozionali.
  • Visualizzazione. La voce guida a questo punto chiede al soggetto di visualizzare dapprima uno spazio buio (chidakasha) e poi riempirlo con determinati oggetti o situazioni utili a inviare messaggi al subconscio. La mente non va mai sforzata, facendo in modo che le immagini affiorino in maniera spontanea.

Prima di terminare la sessione, come già anticipato, il Sankalpa va ripetuto di nuovo per tre volte mentalmente, con piena convinzione.
Dopodiché, si ricomincia a prendere consapevolezza del mondo circostante, dei suoni e del proprio corpo, muovendolo lentamente.

I benefici dello Yoga Nidra

Sono moltissimi i benefici attribuibili a una corretta e regolare pratica dello Yoga Nidra. Eccoli nello specifico:

  • Rilassa la muscolatura, scioglie le tensioni mentali e dona benessere a 360°, al pari di una dormita di quattro ore.
  • Riequilibra il sistema endocrino e il sistema nervoso.
  • Contrasta ansia, stress, depressione e insonnia.
  • Migliora la memoria

[amazon_link asins=’8862281978,8886468121,8899450765,8857307603,3928831232,3928831275,8185787123′ template=’ProductCarousel’ store=’mantrayoga-21′ marketplace=’IT’ link_id=’cbb59ff0-13a5-11e9-869a-dd9c2d452964′]

Bene siamo giunti alla fine di questo articolo, cosa ne pensi? Ti è piaciuto?
Faccelo sapere scrivendolo nei commenti o meglio ancora sulla nostra pagina Facebook!  🙂

Se vuoi approfondire la tematica con un libro ce ne sono di molto interessanti su Amazon e in particolare su Amazon Kindle e se hai l’abbonamento a Kindle Unlimited molti sono gratuiti.
Speriamo di averti fatto cosa gradita con questa segnalazione. 🙂

Inoltre vogliamo segnalarti anche questo videocorso, che trovi sul sito del Giardino dei Libri, un metodo life coaching spirituale basato sugli insegnamenti di due dei più popolari maestri spirituali: Paramhansa Yogananda (autore di Autobiografia di uno Yogi) e Swami Kriyananda (autore di tantissimi libri, tra i quali troviamo L’Intelligenza Intuitiva, Conversazioni con Yogananda).

Per concludere iscriviti alla nostra newsletter per ricevere tutti i nuovi articoli, tanto materiale esclusivo e gratuito e gli ebook sulla Respirazione e sulla Meditazione!!!

Ti auguriamo una splendida giornata

Namasté

Fonte foto

Chiudi il menu